SITO WEB IN ALLESTIMENTO

Articoli taggati con: Studio legale presidente di Cassazione

05Marzo

Corte di Cassazione, reato scattare fotografie

respinto il ricorso dell'Avvocato cassazionista di chi ha fotografato la scheda elettorale

Corte di Cassazione, reato scattare fotografie

Arresto da tre a sei mesi per chi scatta foto all’interno del seggio elettorale. E’ quanto ha confermato la quinta sezione penale della Cassazione, in una sentenza del 1 marzo 2018, che ha rigettato il ricorso di un uomo sorpreso a scattare fotografie all’interno della cabina elettorale.

La Suprema Corte ha ricordato che...

segue su www.lidis.it

Pubblicato in Reati contro la Pubblica Amministrazione, Corruzione, Concussione

02Marzo

Ricorso in Cassazione solo con l'avvocato penalista

la Corte di Cassazione sul ricorso in cassazione

Ricorso in Cassazione solo con l'avvocato penalista

⚖️ INAMMISSIBILITÀ DEL RICORSO PER CASSAZIONE PRESENTATO PERSONALMENTE DALL'IMPUTATO: LE SEZIONI UNITE DOPO LA RIFORMA ORLANDO
(Cass. pen., Sez. un. dep. 23.02.2018)

 «Il ricorso per cassazione avverso qualsiasi tipo di provvedimento non può essere personalmente proposto dalla parte, ma deve essere sottoscritto, a pena di inammissibilità, da difensori iscritti nell’albo speciale della Corte di Cassazione».

 

segue su www.lidis.it

Pubblicato in Novità legislative e giurisprudenziali

10Luglio

Che valore hanno le chat come prova? lo dice la Cassazione

lecito il copia e incolla secondo la Cassazione

Che valore hanno le chat come prova? lo dice la Cassazione

https://www.lidis.it/wp-content/uploads/2017/07/CHAT.jpg 500w" sizes="(max-width: 300px) 100vw, 300px">Attenzione a parlare in chat, perchè tutto ciò che viene detto, anche se conservato all’estero, può essere usato come prova contro voi.

E’ quanto ha stabilito la  Corte Suprema di Cassazione, in una sentenza dei primi di luglio di quest’anno, che,  in tema di prova delle conversazioni avvenute in chat, ha posto un principio destinato a far discutere.

segue su https://www.lidis.it/cassazione-le-chat-valide-strumento-prova-anche-ottenute-copia-incolla

Pubblicato in Reati Informatici, Diffamazione via Internet, Pedopornografia online

23Aprile

Reati Informatici cosa dice la Cassazione

Quando c'è il reato informatico secondo la Suprema Corte

Reati Informatici cosa dice la Cassazione

I reati informatici e telematici tornano all'attenzione delle Sezioni Unite della Cassazione.

La quinta sezione della Corte di  Cassazione, in tema di accesso abusivo a sistema informatico o telematico, ha rimesso nuovamente  la problematica alle Sezioni Unite chiedendo di esprimersi sul seguente quesito: “se il delitto previsto dall’art. 615-ter c.p., comma 2, n. 1, sia integrato anche dalla condotta del pubblico ufficiale o dell’incaricato di pubblico servizio che, pur formalmente autorizzato all’accesso ad un sistema informatico o telematico, ponga in essere una condotta che concreti uno sviamento di potere, in quanto mirante al raggiungimento di un fine non istituzionale, e se, quindi, detta condotta, pur in assenza di violazione di specifiche disposizioni regolamentari ed organizzative, possa integrare l’abuso dei poteri o la violazione dei doveri previsti dall’art. 615-ter c.p., comma 2, n. 1“.

segue su www.lidis.it

Pubblicato in Reati Informatici, Diffamazione via Internet, Pedopornografia online

[12 3  >>  

Resta connesso con Avvocato Penale (.net)

Realizzato in conformità degli artt. 17, 17bis, 19 del Cod. Deontologico Forense e nel rispetto del D.Lgs 70/2003 in materia di servizi della società dell'informazione.

Affiliati:
Mobile:


© Avvocato Penale (.net) | La miglior difesa è l'attacco - Tutti i Diritti Riservati.
P.Iva/C.F.: IT06929901004 - Roma | Studio Legale Montagna