SITO WEB IN ALLESTIMENTO
  • Home
  • Blog
  • Tag: studio legale reati societari

Articoli taggati con: migliore avvocato penalista

24Novembre

Reati edilizi cosa fare e come difendersi

hai fatto un abuso edilizio e ti vuoi difedendere?

Reati edilizi cosa fare e come difendersi
oggi ti puoi difendere dall'accusa di reato edilizio ed ambientale un avvocato specializzato ti aiuterà a difenderti in caso di abuso edilizio ed ambientale Testo unico edilizia secondo cui l’opera abusiva è acquisita e demolita con ordinanza del dirigente o del responsabile del competente ufficio comunale a spese dei responsabili dell’abuso, salvo che con deliberazione consiliare non si dichiari l’esistenza di prevalenti interessi pubblici e sempre che l’opera non contrasti con rilevanti interessi urbanistici, ambientali o di rispetto dell’assetto idrogeologico. Attraverso l’utilizzazione pubblica, quindi, si consente alla pubblica amministrazione di salvare un immobile abusivo che, altrimenti, il privato sarebbe costretto a demolire. È vero che il territorio rimane danneggiato dall’intervento sorto abusivamente ma, secondo i giudici amministrativi, vi è un vantaggio per l’intera comunità che si giova dell’utilizzazione pubblica dei volumi abusivi.
19Novembre

sequestro penale come annullarlo

la Cassazione spiega come annullare un sequestro

sequestro penale come annullarlo
la Cassazione spiega come annullare un sequestro. Il ricorso è fondato. 2. Il Tribunale, nel dar conto del fumus commissi delicti, ha fatto riferimento al quantitativo e alle modalità di occultamento dello stupefacente, alla presenza di strumenti per la pesatura e il confezionamento e al rinvenimento della somma di denaro, unitamente alla cocaina sequestrata, e ha genericamente richiamato l'ordinanza applicativa nei confronti del Bonitatibus di misura cautelare personale. Va però rimarcato come l'ipotesi accusatoria allo stato provvisoriamente formulata sia incentrata sulla detenzione illegale e come non sia stata concretamente prospettata un'attività di spaccio, di cui la somma potesse costituire specifico provento.3. Inoltre il Tribunale ha respinto le deduzioni difensive incentrate sulla lecita provenienza della somma, in quanto frutto di plurime fonti di reddito, e ha solo rimarcato la proporzionalità esistente tra la somma e lo stupefacente sequestrato, ma non ha spiegato in che modo tale proporzione potesse dirsi rilevante in funzione di un giudizio sul carattere pertinenziale della somma e sulla sua provenienza da attività di spaccio non indicata, a fronte di quanto dedotto in ordine alla disponibilità di fonti di reddito adeguate. Va altresì sottolineato come il Tribunale non si sia fondato su un giudizio di sproporzione agli effetti degli artt. 85-bis d.P.R. 309 del 1990 e 240-bis cod. pen., essendo dunque da un lato inconferenti talune valutazioni al riguardo formulate nel ricorso ma dall'altro inidonee quelle esposte nel provvedimento impugnato in ordine alla sussistenza di uno specifico nesso pertinenziale. 4. Deve dunque ravvisarsi, oltre che una mancanza di motivazione in ordine a deduzioni difensive, una violazione di legge riferita all'ontologica correlazione tra somma e contestazione provvisoria, implicante l'annullamento senza rinvio del provvedimento impugnato e del decreto genetico, con restituzione della somma all'avente diritto. P. Q. M. Annulla senza rinvio l'ordinanza impugnata e il decreto del G.I.P. del Tribunale di Verona del 10 marzo 2020 e dispone il dissequestro e la restituzione al ricorrente della somma di denaro in sequestro.

Pubblicato in Sequestro Preventivo, Conservativo, Probatorio

13Gennaio

Evasione fiscale: no alla confisca per i reati tributari

Cassazione esclude automatismo confisca su evasione IVA e Irpef

Evasione fiscale: no alla confisca per i reati tributari

Non basta aver evaso per vedersi confiscati i beni.

Lo ha deciso la Cassazione.
Sulla base dell’illustrato iter argomentativo, la Corte ha ritenuto di aderire ad un precedente orientamento di legittimità) secondo cui  in tema di misure di prevenzione patrimoniale, il mero status di evasore fiscale non è sufficiente ai fini del giudizio di pericolosità generica che legittima l’applicazione della confisca, considerato che i requisiti di stretta interpretazione necessari per l’assoggettabilità a tale misura sono indicati dagli artt. 1 e 4 del D. lgs. n. 159 del 2011, e concernono i soggetti abitualmente dediti a traffici delittuosi e che vivano abitualmente, anche in parte, con i proventi di attività delittuose; requisiti non automaticamente e necessariamente sovrapponibili all’evasore fiscale, in sé e per sé considerato.
per ulteriori informazioni www.lidis.it

Pubblicato in Evasione Iva e Irpef

27Agosto

Patteggiamento, bancarotta societaria, confisca per equivalente

quando si può confiscare per equivalente in caso di evasione fiscale

Patteggiamento, bancarotta societaria, confisca per equivalente

In tema di omessa dichiarazione dei redditi e bancarotta societaria, ed in genrale per tutti i reati tributari, ciò che si è evaso costituisce il profitto del reato e, pertanto, la misura del valore dei beni da sottoporre a confisca per equivalente.

Legittima quindi, ma a dterminate condizioni, la confisca per equivalente in caso di reati tributari.

maggior informazioni http://www.lidis.it/tributario-e-fiscale

Pubblicato in Diritto Fallimentare, Bancarotta Semplice e Fraudolenta

[12 3 4  >>  

Resta connesso con Avvocato Penale (.net)

Realizzato in conformità degli artt. 17, 17bis, 19 del Cod. Deontologico Forense e nel rispetto del D.Lgs 70/2003 in materia di servizi della società dell'informazione.

Affiliati:
Mobile:


© Avvocato Penale (.net) | La miglior difesa è l'attacco - Tutti i Diritti Riservati.
P.Iva/C.F.: IT06929901004 - Roma | Studio Legale Montagna